Contatti

Distretto Agroenergetico Lombardo

Il 26 Gennaio 2011 si costituisce ufficialmente il Distretto Agroenergetico Lombardo, per volonta di 15 soci fondatori che rappresentano piccole e medie imprese agro energetiche delle province di Cremona, Lodi, Pavia, Sondrio tra cui il Consorzio Forestale Alta Valtellina, Bioenergia Villa, Maestroni. Il Presidente è  Aldo Deias, esperto conoscitore e pionere delle agroenergie lombarde; 3 i vicepresidenti: Carlo Rinaldi AD della società Le Gerre di Formigara (CR), Federico Radice Fossati Presidente di Agrodinamica e Giuliano Toninelli titolare della Lucra 96.

Walter Righini, AD della Società di Teleriscaldamento e Cogenerazione Valtellina, Valcamonica e Valchiavenna- TCVVV e presidente Fiper, Piero Mattirolo titolare di AdMil e Mauro Parazzi sono i Consiglieri del neo Distretto.
Dal Distretto Al Consorzio.
La costituzione della società Consortile “Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo" nasce a seguito della Delibera Regionale 00624 del 13 ottobre 2010 che ha riconosciuto il Distretto Agroenergetico Lombardo composto da 3 realtà imprenditoriali radicate in 4 provincie lombarde: Consorzio Italiano Biogas (Lodi), società Le Gerre- TCVVV (Cremona, Sondrio), EnergEtica onlus (Pavia).
Sin dal momento dell’approvazione, la costituzione del Consorzio si è rivelata un vero e proprio tavolo di concertazione tra le diverse realtà implicate, che avevano presentato autonomamente la richiesta di realizzare 3 distretti agro-energetici. 
L’idea di un Distretto Agroenergetico rientra nelle priorità di Regione Lombardia nell’ambito da un lato delle politiche energetiche e di mitigazione dei cambiamenti climatici, dall’altro per la promozione della multifunzionalità agricola.
Il Consorzio ha la finalità di coordinare, promuovere e realizzare progetti di ricerca applicata per ottimizzare i processi agro- energetici e produttivi delle aziende coinvolte nel distretto e creare economia di scala. Focus, la filiera biomassa- energia nelle diverse caratterizzazioni: biogas, teleriscaldamento, biocarburanti, biometano. Al distretto possono aderire piccole e medie imprese lombarde, operanti nel settore della filiera agro-energetica e delle fonti rinnovabili.

Durante l’assemblea (marzo 2014) dei soci del DAEL - Distretto Agroenergetico Lombardo a  Lodi è stato riconfermato il consiglio uscente con l’allargamento della rappresentatività territoriale a Brescia nella persona del dott agronomo Francesco Chiari e a Mantova, rappresentato dal Presidente di AGIRE,  Alberto Ghidorzi.

È stato eletto presidente di DAEL Piero Mattirolo, a.d. di Agroenergia, e uno dei fondatori del Distretto. Nell’indirizzo di ringraziamento, Mattirolo ha voluto espressamente ringraziare il presidente uscente: ”Aldo Deias è stato fondamentale nel primo triennio di attività del Consorzio, perché è riuscito a riunire e armonizzare le diverse anime del Distretto. Inoltre la sua lunga esperienza nel settore e i suoi rapporti con Regione Lombardia sono stati preziosi per avviare i primi progetti, il più importante dei quali riguarda la sperimentazione di un nuovo tipo di fertilizzante biologico in pellet, derivato dal digestato degli impianti di biogas, di cui è nota l’efficacia agronomica. Ci auguriamo di poter continuare con successo su questa via che  è stata aperta e mettere ulteriormente “in rete” gli imprenditori agroenergetici lombardi, con l’aiuto, in primo luogo, delle nostre risorse interne, e in piena sinergia con gli associati”.

Uno dei banchi di prova del successo del Distretto sarà la collaborazione con Regione Lombardia in vista del nuovo PSR, che prevederà specifiche misure a favore dell’ambente e dell’efficienza energetica. Un’altra collaborazione strategica sarà quella con Expo 2015, le cui priorità si intersecano strettamente con quelle del Distretto Agroenergetico. Expo dovrà infatti essere l’occasione per promuovere a livello mondiale le eccellenze e le avanzate esperienze lombarde in fatto di agricoltura ed energia.